Chi siamo

La storia

Una storia che dura dal 1814

Il frantoio Marrone ubicato su una strada già dai tempi remoti di importante comunicazione con la città, si estende su una superficie tale da consentire una agevole attività lavorativa.

L’area in cui il frantoio e i suoi uliveti sono ubicati è definita fin dai tempi dei Romani, una delle migliori per la qualità dell’olio prodotto, tanto da ottenere l’appellativo “Oro di Puglia”. Da più di 200 anni la nostra famiglia si tramanda l’arte di produrre olio extravergine d’oliva, in questa area dove gli uliveti secolari e la tradizione olivicola hanno origini antichissime.

Io Nicola Marrone ho appreso le tecniche per coltivare gli ulivi mantenendoli sempre vigorosi; mi hanno insegnato che sapienti e drastiche potature riducono la quantità ma elevano la qualità delle olive; so determinare il giusto grado di maturazione delle drupe che bisogna raccogliere manualmente dai rami; provvedo a molirle con il tradizionale metodo della frangitura a freddo con la macina a ruote e a conservare l’olio ricavato seguendo norme igieniche severissime.

Tanto la mia famiglia si tramanda da generazioni ed è ciò che trasmetto ai miei figli sicuro di continuare ad ottenere ciò che, per gusto e valori nutrizionali, riesce a soddisfare i più esigenti intenditori. Per la varietà di olive impiegate, per la collocazione geografica delle corrispondenti coltivazioni e per le tecniche agronomiche in queste condotte, posso differenziare la produzione in:

Qualità senza compromessi

"Lo dicono gli anziani che questi alberi erano presenti in zone di mandorleti per cui le radici degli ulivi giungevano a quelli dei mandorli e ne traevano il gusto"

Oliva Ogliarola o Cima di Bitonto

Oliva coratina

Certificazioni D.O.P.

Il nostro frantoio può vantare la produzione di olio extravergine di oliva certificato D.O.P. (denominazione di origine protetta) Terra di Bari “Bitonto”, ottenuto seguendo rigide norme di produzione rifacenti al disciplinare emanato dal Ministero delle politiche agricole e forestali secondo il quale: la denominazione di origine controllata “Terra di Bari”, accompagnata dalla menzione geografica aggiuntiva “Bitonto”, è riservata all’olio extravergine di oliva ottenuto dalle seguenti varietà di olivo presenti, da sole o congiuntamente, negli oliveti; Cima di Bitonto o Ogliarola Barese e Coratina per almeno l’80%. Possono, altresì, concorrere altre varietà, presenti negli oliveti, da sole o congiuntamente, in misura non superiore al 20%. (co. 2 Art.2).

Estratto a freddo

Utilizziamo in etichetta la dicitura “estratto a freddo”, controllata dalla Repressione Frodi, in quanto ci avvaliamo di termometro tarato che rileva e registra la temperatura dell’olio durante e a fine lavorazione mantenendola entro i limiti imposti.

Rintracciabilità del prodotto

La nostra azienda si avvale del sistema di rintracciabilità del prodotto (Reg. CE 178 del 2002); siamo in grado di fornire una vera e propria “carta d’identità” dell’olio che produciamo, ripercorrendo il processo produttivo a ritroso: dal prodotto finito alla nascita della materia prima.
Partendo dal luogo di produzione, dalle varietà di olive coltivate, dalle modalità di coltivazione, trasformazione e confezionamento, e non per ultime dalle caratteristiche qualitative dell’olio prodotto, garantiamo trasparenza e garanzia al consumatore.